Categoria: Senza categoria

Professione tecnica. Guida per la ripartenza

Segnaliamo un inedito e originale strumento informativo “Professione tecnica. Guida per la ripartenza”, realizzato da alcuni gruppi di lavoro che fanno capo al Consiglio Nazionale dei Periti Industriali.

L’obiettivo posto è stato quello di aiutare i periti industriali e tutti i professionisti di area tecnica, a districarsi nel ginepraio di norme – tra provvedimenti esistenti e regolamenti anti-Covid – per gestire al meglio il rischio epidemiologico di questa fase 2. 

La Guida affronta in particolare problematiche relative a quattro aree d’interesse della professione tecnica (edilizia, termotecnica, informatica, sicurezza) offrendo, per ognuna di esse, un compendio normativo, la cui consultazione è resa particolarmente agevole attraverso un sistema di collegamento ipertestuale ai documenti stessi presenti in ogni sezione.  

Di seguito il link per scaricare la Guida: http://www.cnpi.eu/wp-content/uploads/2020/06/CNPI-Guida-per-la-ripartenza.pdf

COMUNICAZIONE RIAPERTURA SEGRETERIA

Si informano gli iscritti che da lunedì 1 giugno p.v. la Segreteria dell’Ordine riaprirà al pubblico previa richiesta di appuntamento, da inviare all’indirizzo email: info@periti-industriali.pisa.it.
I giorni di apertura saranno:
LUNEDI’- MERCOLEDI’ E VENERDI’ DALLE ORE 9,00 ALLE ORE 12,00.

Modalità di invio del protocollo anti-contagio studi professionali,liberi professionisti

Da un attento esame dell’Ordinanza n. 48 del 03.05.2020 e della successiva Delibera n. 595 del 11.05.2020 emanate dalla Regione Toscana si evince che le disposizioni stabilite in tema di sicurezza degli ambienti di lavoro non riguardano solo le attività commerciali, stabilimenti, laboratori, etc. ma anche gli uffici privati e studi professionali.

I datori di lavoro, intesi anche come i titolari delle ditte individuali (liberi professionisti n.d.r.) e società di persone senza dipendenti, hanno l’obbligo di redigere un protocollo di sicurezza anti-contagio che preveda l’impegno alla sua attuazione (e quindi la sua conoscenza) delle misure previste al fine di garantire la sicurezza e la tutela della salute dei lavoratori e non solo, ma anche di tutti coloro che accederanno ai locali. Le misure da adottare sono diversificate a seconda del tipo di attività  e dei locali utilizzati.

Per coloro i quali alla data del 18 Aprile 2020 erano in attività (o non l’hanno mai sospesa) e per i quali non sia stato ancora trasmesso il protocollo, secondo le disposizioni dell’Ordinanza n. 38/2020 – 48/2020 e la Delibera n. 595/2020, dovrà essere compilato ed inviato il protocollo anti-contagio entro la data del 31 Maggio 2020, mentre per tutte le altre la compilazione e l’invio dovrà avvenire entro 30 giorni dalla riapertura (per esempio: apertura il 4 Maggio è 4 Giugno).-

Nessuna indicazione o riferimento per coloro che esercitano la professione da casa che, tenuto conto dei contenuti degli allegati, dovranno a parer mio comunque inviare il protocollo.

Ritengo comunque opportuno che ognuno di Voi si confronti anche con il proprio consulente fiscale.

Di seguito indico le istruzioni per la compilazione del format on line di trasmissione del protocollo.

  • Per la compilazione del format “on line” seguire le istruzioni indicate nello speciale COVID-19 presente sul sito ufficiale della Regione Toscana https://www.regione.toscana.it è Covid-19 Istruzioni attività produttive (protocollo di sicurezza anti-contagio) è “questa piattaforma SUAP” è scegliere “Provincia e Comune” è “Invia la pratica” oppure accedendo direttamente al sito del SUAP del Comune dove viene svolta l’attività è scegliere attività dell’intervento “Covid 19” e compilare le schede;
  • invio del protocollo anti-contagio tramite e mail all’indirizzo di posta: protocolloanticontagio@regione.toscana.it, compilando, per quanto di competenza, lo specifico modulo ( 1 o 3) allegato alla presente.
  • NON sono accettati protocolli trasmessi per PEC.-

Per accedere al sito e la compilazione del format della comunicazione è necessario autenticarsi (CNS, credenziali SPID, etc) e firmare, a fine compilazione, la pratica con un dispositivo di firma digitale.-

il mancato rispetto delle misure è sanzionato in base all’art. 4 del D.L. 19/2020.

Delibera_n.595_del_11-05-2020

Delibera_n.595_del_11-05-2020-Allegato-1

Delibera_n.595_del_11-05-2020-Allegato-2

Delibera_n.595_del_11-05-2020-Allegato-3

Attivazione corsi di formazione gratuiti

la Fondazione Opificium e il Consiglio Nazionale dei Periti Industriali hanno selezionato una serie di corsi gratuiti, disponibili da oggi, sulla piattaforma e.Academy. 

Dopo una fase iniziale in cui era stata già prevista una riduzione del costo per alcuni corsi, e considerando il perdurare dell’emergenza sanitaria, la rappresentanza istituzionale dei periti industriali, infatti ha deciso di garantire, fino a fine anno, la fruizione gratuita di diversi corsi di formazione, normalmente a pagamento, presenti sulla piattaforma della Fondazione Opificium.

I corsi selezionati mirano a coprire il ventaglio delle diverse specializzazioni dei periti industriali, spaziando dalla progettazione alla sicurezza antincendio, alla contabilizzazione del calore, dall’estimo e la valutazione immobiliare fino alla direttiva Ped, passando per l’aggiornamento Atex, la cyber security, il processo tributario e molto altro ancora.

Crediamo che questa possa essere una risposta all’ emergenza e un’occasione preziosa per utilizzare il tempo a disposizione potenziando le competenze.  

Per maggiori informazioni sulla modalità di registrazione sul  sito